Pasta con acciughe e pomodoro

pasta_acciughe_e_pomodoro.jpgQuesto è un tipico piatto di cucina povera originario di Palermo. Potete usare spaghetti o tagliatelle, ma l’ideale sarebbe usare la pasta margherita o lavagnette ricce, una specie di tagliatelle larghe con i bordi arricciati. La salsa è saporitissima e l’uvetta e i pinoli, poi, danno un tocco molto siciliano.

6 cucchiai d’olio d’oliva

12 filetti d’acciuga sotto sale, dissalati

4 spicchi d’aglio, pelati e affettati molto finemente

3 cucchiai colmi di purè di pomodori

un bicchiere grande di vino rosso

2 belle manciate di pinoli

100 g di pane raffermo, sbriciolato

una bella manciata d’uva sultanina

500 g di pasta margherita

Mettete sul fuoco una padella, versateci l’olio e fate soffriggere delicatamente l’aglio. Quando comincia a prendere colore, aggiungete i pinoli, l’uvetta, le acciughe e lasciate andare fino a quando le acciughe si saranno sciolte. Aggiungete il purè di pomodori, il vino e date una bella mescolata. Lasciate sobbollire a fuoco medio per 3 minuti. La salsa dev’essere piuttosto densa, come una passata, ma, se serve, diluitela pure con un po’ d’acqua. In un’altra padella, scaldate un filo d’olio, versateci dentro il pane sbriciolato e friggetelo finché diventa croccante e dorato. Lasciatelo asciugare su carta assorbente da cucina. Nel frattempo, cuocete la pasta, scolatela e mescolatela alla salsa. Aggiustate di sale e pepe e distribuite in 4 piatti, attorcigliando la pasta con un paio di molle o un forchettone. Servite con una spolverata di pangrattato croccante.

Pasta con acciughe e pomodoroultima modifica: 2010-10-22T12:16:29+02:00da oscarnastro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento