Favolosi biscotti arrotolati alla nutella e marmellata

dscn1423.jpgI biscotti arrotolati alla nutella e marmellata sono biscottini da mangiare la mattina a colazione oppure il pomeriggio con il thè o caffè, o semplicemente quando vi va!

Per la pasta:

-500 gr di farina 00

-250 gr di margarina (o di burro)

-125 gr di yogurt bianco magro (un barattolino)

-2 cucchiai da tavola di zucchero

-1 bustina di lievito

Per il ripieno:

-1 barattolo di Nutella

-1 barattolo di marmellata (scegliete il gusto che preferite…)

-zucchero a velo (facoltativo)

Fate sciogliere la margarina in un pentolino, quindi in una ciotola bella grande mescolatela con lo zucchero e lo yogurt. A questo punto aggiungete a poco a poco la farina: dopo un po’ diventerà molto pastosa, perciò iniziate a impastare con le mani (sporcatevele un po’ con la farina per non farve appicciare la pasta addosso). Come ultima cosa aggiungete una bustina intera di lievito per dolci, e impastate per bene.
A questo punto avrete una bella palla di pasta! Su un ripiano pulito (io uso il ripiano di marmo della cucina) spolverizzate un po’ di farina per non far appiccicare la pasta, quindi staccatene un panetto e stendete una sfoglia alta circa 3 mm -mi raccomando sottile!! Perchè poi gonfia.
Con un piatto di media grandezza appoggiato sulla sfoglia, ritagliate un grosso cerchio di pasta che poi dividerete in 8 spicchi. Mettete mezzo cucchiaino di marmellata o di nutella su ogni spicchio (vicino al bordo esterno), quindi chiudeteli arrotolandoli su se stessi fino alla punta.
Cuoceteli in forno a 180°c in una teglia foderata di carta da forno per circa 15 o 20 minuti..state attenti, e non fateli cuocere troppo perchè altrimenti si bruciano. Toglieteli quando saranno belli gonfi, anche se vi sembrano un po’ morbidi…non fa niente perchè hanno la caratteristica di diventare duri mentre si raffreddano. Se piace, spolverizzateli con zucchero a velo.

Favolosi biscotti arrotolati alla nutella e marmellataultima modifica: 2010-03-22T10:01:00+01:00da oscarnastro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento